Fabula Rasa · 08. maggio 2022
Chi avrebbe immaginato che Tuffolina o Ciquita - questi gli pseudonimi con cui, la nostra, scrisse i primi articoli - sarebbe riuscita un giorno a fondare riviste e quotidiani? Per non parlare della sua immensa produzione di saggi, articoli, romanzi. Eppure, nonostante tutto ciò, Matilde Serao (1856-1927), giornalista e scrittrice, donna poliedrica, dalla forte personalità e dalla portentosa immaginazione, candidata sei volte al Nobel (che non vinse mai), non è nemmeno nota come...

Diario · 03. maggio 2022
Edipo! Chi era costui? Un tipo che si è accecato perché, senza saperlo, ha ucciso il padre Laio e fatto l’amore con la madre Giocasta. Ed Elettra? Un tipino pure lei: fece uccidere, da suo fratello Oreste, la madre Clitemnestra perché costei, a sua volta, aveva ucciso, con l'aiuto dell'amante Egisto, il marito Agamennone - padre di Elettra. Che gran casino, 'sti rapporti tra padri, madri, figli e figlie. Odio e amore si intrecciano in ogni famiglia da che mondo è mondo. Covano nel...

DIARIO  Favola ad alta quota /6
Diario · 23. aprile 2022
Ogni qualvolta metto piede su di un aereo, mi assale quella leggera ma reale inquietudine. Certo, la supero durante il volo ma… E se questo trabiccolo non reggesse? e se dovesse precipitare con tutte le mie speranze e i miei progetti? Lo so che la nera signora è sempre a noi vicina, come ripetono i fraticelli durante gli esercizi spirituali di buona morte, ma io preferisco vivere. Quante cose lascerei, l’amore che ho conquistato, che mi sono meritata. No.  Non potrei sopportarlo.

Diario · 10. aprile 2022
C’era una bambina che non mi ricordo. A parte qualche piccolo dettaglio, non ne ha voluto sapere di uscire allo scoperto. Sta chiusa lì nel suo guscio a difendere chissà cosa (qualcosa che morirà con me ma tanto chissenefrega ormai) e a prendersi gioco della psicoanalisi, della psicologia, della terapia, del counseling e compagnia bella. Tutto sta a creare un equilibrio: quando fa capolino la accarezzo, lei mi sorride pure, ma poi si ritrae e va bene così. Rimproverarla non posso, mi...

Fabula Rasa · 02. aprile 2022
La bella bimba dai capelli neri / è là sul prato e parla e gioca al sole. / Io so quei giochi e so quelle parole; / rido quel riso e penso quei pensieri. / Son io la bimba dai capelli neri. Quella bimba è Vittoria Aganoor (1855-1910) la poetessa (di cui si è persa memoria) della Belle Époque, di origini armene, ma nata a Padova. Fortunata ad avere come maestro Giacomo Zanella, amica di Andrea Maffei, Antonio Fogazzaro, Enrico Nencioni, visse un'infanzia e un'adolescenza felici durante le...

Diario · 27. marzo 2022
Borsa e sacchetto non posso correre il rischio di perderli, devo portarli in viaggio e, si sa, per partire ci vuole la valigia. Voi potreste ipotizzare che potrei perdere anche quella, ma la valigia in questione è speciale. Infatti, dovrò comprarne una a dimensione della mia anima. Con l’anima non si scherza. Tra poco inizieranno i saldi di fine stagione e vi suggerisco di approfittarne anche voi. Di questi tempi non si sa mai… Il problema delle dimensioni, però, non so come risolverlo....

Racconti & Co. · 21. marzo 2022
Si era svegliata con una strana sensazione che per tutta la giornata non seppe spiegarsi. Ma lungo la strada, si rese conto che quello smarrimento, che per anni si era cucita addosso, ora l’aveva abbandonata. Non le apparteneva più quella smania di penetrare, di sprofondare ad ogni costo, rovinando sempre le cose più belle con la pesantezza dell’essere. Arrivò così fino a quel punto. Quel punto esatto del suo tempo che le offrì la meravigliosa scoperta. Aveva come risentito la voce,...

Diario · 13. marzo 2022
L’altro ieri ho sentito una fitta nel petto. Di sicuro ho stretto troppo il filo del sacchetto. Volevo conservare al riparo da occhi indiscreti, proteggendoli dall’usura del tempo (si sa che è un tiranno, lo dicono tutti), le note della nostra canzone al juke-box, il ticchettio dell’orologio a pendolo che stava nel soggiorno, la nostalgia per gli occhi spenti di mia nonna, il profumo di sere d'estate di una volta, la solitudine che ti fa crescere (siamo soli nei nostri pensieri e...

Racconti & Co. · 11. marzo 2022
L'altro giorno mia madre, che compirà a breve 89 anni, mi ha guardato smarrita negli occhi dicendo: non avrei mai immaginato alla mia età di sentire nuovamente parlare di guerra. Hai perfettamente ragione, cara mamma, ho aggiunto; neanche io, che appartengo a un'altra generazione e che parlo degli orrori delle guerre ai miei alunni che le studiano sui libri di storia. E così le ho chiesto quali fossero i ricordi della guerra che ha vissuto. Sono immediatamente riemersi dalla memoria a lungo...

Fabula Rasa · 08. marzo 2022
… alla fine della mia vita di fanciulla, Neera non è ancor nata, quantunque il bellissimo nome scorto in un libro scolastico delle Odi di Orazio mi avesse già colpita in modo straordinario e così tenace che allorquando, più tardi, volli scegliere uno pseudonimo non tentai neppure di cercarne un altro. Narra di sè Anna Maria Zuccari Radius (1846-1918) in Una giovinezza del 1X secolo. Per la festa della donna ho scelto questa scrittrice poco conosciuta. Così scrive di lei Benedetto Croce:...

Mostra altro